Commodore 16

From Museo dell'Informatica Funzionante

Jump to: navigation, search


Commodore 16

161.jpg

Commodore 16

Dettagli

  • Produttore: Commodore Business Machines
  • Paese: USA
  • Anno: 1984
  • Numero di serie: DA4205920
  • CPU: MOS Technology 7501, 0.89/1.76 MHz
  • Memoria: 16K
  • Sistema Operativo: Commodore BASIC 3.5
  • Provenienza: Discarica
  • Condizioni: Riparato, in fase di testing
  • Parti mancanti: Alimentatore
  • Collocazione: Poetry Hacklab
  • N.Inventario:
Altre informazioni:

 

Si tratta di una versione ridisegnata e con soli 16 KByte di RAM del Commodore Plus/4, priva degli applicativi su ROM presenti invece nel Plus/4, dal quale si differenziava anche per l'estetica: fu ripresa la forma rotondeggiante del VIC-20 e del C-64, ma il colore scelto era il nero (coi tasti bianchi).

Dal punto di vista del software, la macchina è praticamente identica al Plus/4: circuito TED per la gestione della grafica e del sonoro, processore CSG 7501 a 1,75 MHz che consentiva il bank switching dinamico. Questa caratteristica permetteva di avere per il BASIC una quantità di memoria libera di poco meno di 12 KB (12277 bytes free), a fronte dei 16K di memoria totali. Ciò è molto in termini relativi, se si considera che il C-64, a fronte di 64K RAM totali, ne offriva solo circa 38 per il BASIC. L'accesso alla grafica ad alta risoluzione, tuttavia, riduceva istantaneamente di 8KB la memoria disponibile per programmi e variabili, rendendo questo computer poco più di uno strumento didattico.

Il C-16 presenta gli stessi vantaggi e svantaggi del Plus/4: BASIC 3.5 (ricco di comandi sia grafici e sonori, sia per una gestione strutturata del flusso di controllo), ottimale gestione della memoria, ricco set di colori, ma per contro l'assenza del SID e soprattutto degli sprite. Una mossa poco azzeccata, che unitamente alla poca RAM decretò lo scarso successo del C-16. La necessità di utilizzare, come sugli altri modelli della serie, registratore a cassette (modello 1531, anch'esso di colore nero) e joystick dotati di connettori differenti da quelli del Vic-20 e del Commodore 64 fece il resto. Questa macchina, nonostante risultasse fallimentare negli USA e in altri paesi, ebbe una notevole diffusione nei paesi del nord Europa e in Italia. Come la sua controparte maggiormente diffusa in Germania, il Commodore 116 (più simile esteticamente al Commodore Plus/4), anche questo computer è privo della porta utente. In sostanziale controtendenza rispetto alla politica di estremo riutilizzo delle componenti interna alla Commodore, il C-16 ed il C-116 non utilizzano la medesima scheda madre, pur essendo sostanzialmente lo stesso computer con due carrozzerie differenti.


Galleria immagini

Risorse

Pagina in costruzione.

Personal tools